menu Giovedì 22 Ottobre 2020
Convenzioni e servizi

RESTO AL SUD: IMPORTANTI NOVITA’ SULL’INCREMENTO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO E SUL MASSIMALE DI SPESA

La Legge di Bilancio 2019 ha introdotto un’importante novità per “Resto al Sud”, l’incentivo finalizzato a sostenere la nascita di nuove attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno, inclusa la Sicilia: l’agevolazione, finora riservata agli under 36, è stata estesa agli under 46 e ai liberi professionisti.

LE NOVITÀ

Con l’approvazione definitiva del “Decreto Rilancio” sono state introdotte alcune importanti novità che riguardano l’incentivo “Resto al Sud”, gestito da Invitalia, rivolto agli under 46 e ai liberi professionisti, che sostiene la nascita e lo sviluppo di nuove attività imprenditoriali o libero professionali, nelle regioni del Mezzogiorno.

Le domande presentate a partire dal 19 luglio 2020, potranno beneficiare di un significativo incremento delle agevolazioni:

  • per le sole imprese esercitate in forma individuale (con un solo soggetto proponente) il massimale di spesa è stato elevato a 60.000 euro (anziché 50.000 euro come era in precedenza);
  • per tutte le iniziative imprenditoriali il nuovo mix di agevolazioni, sempre pari al 100% del programma di spesa ammesso, prevede il 50% di contributo a fondo perduto e il 50% di finanziamento bancario agevolato (garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI, con interessi interamente a carico di Invitalia); prima il contributo a fondo perduto si fermava al 35% del programma di spesa.

Inoltre, lo stesso Decreto, prevede per le imprese che abbiano completato il programma di spesa ammesso alle agevolazioni, che siano in regola con il pagamento delle rate del finanziamento bancario e con gli adempimenti previsti dalla normativa di Resto al Sud un ulteriore contributo a fondo perduto a copertura del fabbisogno di circolante, che sarà erogato direttamente da Invitalia, in un’unica soluzione, pari a:

  • 15.000 euro per le attività svolte in forma di ditta individuale o di libera professione esercitata in forma individuale
  • 10.000 euro per ogni socio, fino ad un massimo di 40.000 euro, per le attività esercitate in forma societaria

 

La domanda può essere presentata dalle imprese individuali, dalle società di persone, dalle società di capitali, dalle società cooperative e dai liberi professionisti e da soggetti che intendono avviare un’attività nei settori finanziabili e i giovani (anche in team) che abbiano un’età tra i 18 e i 45 anni e che, al momento della presentazione della domanda abbiano i seguenti requisiti:

  • essere residenti in una delle regioni del Mezzogiorno o trasferiscano la residenza entro 60 giorni dalla comunicazione di esito positivo della domanda;
  • non siano già titolari di altra attività di impresa in esercizio alla data del 21/06/ 2017
  • non risultino beneficiari, nell’ultimo triennio, a decorrere dalla data di presentazione della domanda, di ulteriori misure a livello nazionale a favore dell’autoimprenditorialità.
  • non abbiano un rapporto di lavoro a tempo indeterminato, dalla data di approvazione della domanda e per tutta la durata del finanziamento.

Vi ricordiamo che possono essere ammesse nel programma di spesa le seguenti voci:

  • opere edili relative a interventi di ristrutturazione e/o manutenzione straordinaria connessa all’attività del soggetto beneficiario (max 30% del programma di spesa);
  • macchinari, impianti ed attrezzature nuovi di fabbrica;
  • programmi informatici e servizi per le tecnologie dell’informazione e della telecomunicazione (TIC);
  • spese di gestione (materie prime, materiali di consumo, utenze, canoni di locazione, canoni di leasing, garanzie assicurative) (max 20% del programma di spesa)

Desideriamo evidenziare che, per presentare la domanda, non ci sono scadenze e graduatorieInvitalia esaminerà i progetti in base all’ordine cronologico di arrivo e valuterà la sostenibilità tecnico-economica, dando una prima risposta formale entro 60 giorni dalla presentazione dell’istanza e successivamente tutti i componenti del team imprenditoriale dovranno sostenere un colloquio con gli esperti di Invitalia.

E’ possibile chiedere di avere finanziate iniziative imprenditoriali per la produzione di beni nei settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura, per la fornitura di servizi alle imprese e alle persone, per il turismo, per la vendita dei beni prodotti nell’attività di impresa.

Sono escluse dal finanziamento le attività agricole e il commercio.

Le domande dovranno essere presentate esclusivamente online e dovranno essere corredate da tutta la documentazione relativa al progetto imprenditoriale, attraverso la piattaforma dedicata.

 I progetti imprenditoriali dovranno essere avviati successivamente alla presentazione della domanda di agevolazione ovvero alla data di costituzione della società e dovranno concludersi entro 24 mesi dal provvedimento di concessione.

Per ulteriori informazioni e assistenza alla predisposizione del progetto imprenditoriale e per la presentazione della domanda, vi invitiamo a compilare il seguente form: https://tinyurl.com/restoalsud 

In alternativa, potrete contattare i nostri uffici al numero 091/589430 interno 6 ovvero inviare una mail all’indirizzo confacile@confcommercio.pa.it 

 

 

NEWSLETTER

iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti da Confcommercio Imprese per l’Italia Palermo